[Citazione] Pffffahahahahahha, quei ragazzi mi fanno morire - La Morte

Storia a caso:
Meneghin e il piccolo diavolo

ShoutBox

[Marco Travaglio]
Ho scoperto il 98% dei bug di questo sito

[1]
1

[-1']
1

[1]
-1'

[1]
1

[1]
1

[1]
1

Senza scrupoli

" l'onore prima di tutto e dopo l' "

giorni e giorni sotto una pioggia strisciante e insalubre, a riparo in una fossa semiallagata. l'attesa snervante aveva logorato lo spirito e il corpo, portandolo in uno stato delirante a metà tra il sonno e la veglia, tanto che il tempo pareva non scorrere più. il susseguirsi di piccole deflagrazioni a distanza causava uno scroscio di detriti sull'elmetto,strappandogli fremiti violenti.Un ultimo sguardo al cronometro e quasi inconsciamente decise di entrare in azione, incurante delle conseguenze del suo gesto disperato. Emerse dalla fossa, inspirando l'aria pura con avidità animalesca e gettò a terra l'equipaggiamento, pronto a correre a perdifiato per sfuggire al nemico. non riuscì a fare più di tre passi. il nemico era proprio di fronte a lui, pronto a colpirlo con durezza."Trastulli!!!! dove cazzo vai?!?" Giovannino non avrebbe mai rivelato il piano segreto che lo muoveva ed era pronto ad affrontarlo "sono le Sette e 20 minuti, lavori da 5 minuti e te la svigni già?!?! di' un po', ma credi che io sia un coglione??? non vali una sega ne' come idraulico, ne' come operaio!!! io ti caccio a pedate in culo!!!" la salvezza era ormai vana, ma da vero uomo d'onore Giovannino rimase a combattere sino all'ultimo. "eh?" rispose fieramente, ascoltando le proprie parole per farsi coraggio. "in 3 giorni non hai saputo raccomodare un tubo, razza di deficiente!!!" il nemico era davvero ostico, e Giovannino decise di giocare il tutto per tutto. "capo, c'è laggiù grande puffo a cavallo di un ramarro che decanta la divina commedia tramite scurreggie, mi pare" il nemico distolse per un attimo lo sguardo quel che bastava per agire repentinamente. un piccolo calcolo di balistica, una presa un po' migliore sul terreno ruotando leggermente la pianta del piede ed ecco che un calcio da maestro si abbatte' crudele nella zona pelvica dell'avversario. di lì a pochi secondi Giovannino correva verso la salvezza nel barrino che faceva angolo alla strada, ringraziando mentalmente cristina d'avena per il geniale diversivo insegnatogli, e cadde nel tombino lasciato aperto da lui stesso il giorno prima.

morale : "non dire gatto se non c'entra una sega col discorso che fai"

Ano Nimo, 2007-12-17
Raccolta: Nessuna
Tags: Nessuna
Indice di gradimento: 2 su 7 voti





<-- Nome