[Phrase generator 0.2]Durante l'apocalisse, nei migliori bar di Caracas, mal concepisco il fatto di svendere dodici chilometri di auto in doppia fila.

Storia a caso:
La vera storia di Giec Blef

ShoutBox

[Marco Travaglio]
Ho scoperto il 98% dei bug di questo sito

[1]
1

[-1']
1

[1]
-1'

[1]
1

[1]
1

[1]
1

Segaioli di tutto il mondo, adorateci

La gente reclama nuove storie per placare l'insaziabile voglia di figa, visto che la figa non c'è. E noi dobbiamo e vogliamo aiutarli. Ci fanno pena, sporchi delle loro secrezioni, sudati davanti a un computer che dal lontano 1991 non ha fatto altro che inondarli di radiazioni. Anche se avessero una donna adesso sarebbero ormai impotenti. E' qui che una flebile luce nel tunnel della rete mondiale guida e conforta queste deboli menti malate del cancro che è la vita stessa. E non c'è modo legale di curarlo (ricordo che per la costituzione il suicidio è illegale in quanto chi nasce in Italia è proprietà del suddetto Stato) possiamo solo leccarci a vicenda le ferite, magari insaporirle con qualche ricetta del nostro maestro Tanza e resistere finchè c'è fiato. Siamo qui per questo e non vogliamo nulla in cambio, ci bastano i vostri sorrisi e qualche assegno circolare intestato a nome Michele Perrota. Certo se qualche giovane, ma anche vecchia purchè ben conservata, vorrà a sua volta rendere a noi quello che noi le abbiamo regalato saremmo ben lieti di accettarla accettarlo. C'è chi dice di noi che siamo dei rivoluzionari, degli idealisti, dei cani in un corpo di zebra. Ebbene noi siamo questo e molto altro. Siamo anche dei lombrichi nelle vesti di rami, dei fanoni nelle spoglia di un divano. Ma chi può giudicarci, chi? Io invito tutti coloro che alzano o che hanno alzato la mano contro di noi di guardare nelle proprie tasche perchè se avete un accendino mi accenderei anche una sigaretta. Se essere rivoluzionari significa lottare per un proprio ideale che sia la figa o un nuovo computer per giocare senza rallentamenti a quello splendido gioco che è Naerchia in ano II, allora si chiamateci rivoluzionari, ma non saremo così stupidi da macchiare di sangue i nostri stessi ideali. Una volta un mio amico mi disse: "Non c'è ipocrisia più grande di chi uccide in nome della libertà." Per questo e perchè sappiamo che non avete il fisico per una guerra seria, vi chiediamo di lottare pacificatamente come fece Ghandi, Gesù e Gigino Scaloppa un tempo, rispondendo alle botte con la parola:
"Ma perchè mi picchi? Scusa io stavo scrivendo delle stronzate sul mio blog e te mi picchi, bah io un lo so se ti pare un bel comportamento il tuo...oh smettila di picchiarmi sennò...Mamma qua Maurino mi picchia, MAMMAAAA!!!"

Negriero, 2007-12-16
Raccolta: Negriero nel sociale
Tags: Nessuna
Indice di gradimento: 4 su 4 voti





<-- Nome