[Phrase generator 0.2]Di giorno, nel lindo cesso di un autogrill, sono solito sbranare l'amore nel mondo.

Storia a caso:
Sara` un'ottima annata

ShoutBox

[Marco Travaglio]
Ho scoperto il 98% dei bug di questo sito

[1]
1

[-1']
1

[1]
-1'

[1]
1

[1]
1

[1]
1

Il mio cane

Il mio ex cane era simpaticissimo. Era il mio miglior amico, anche se quando lo vedevo, essendo alto il doppio di me, mi cagavo addosso dalla paura. Avevo ben 5 anni. A tale etÓ abitavo in una villetta, quella di mia nonna, che purtroppo tutt'oggi non ne vuole sapere di tirare le cuoia, eh dicevo ero da mia nonna e quando tornavo da scuola e mi aprivano il cancello ero solito farmi i 15 metri del vialetto in un tempo medio di 3 femtosecondi. Aahh il mio ex cane! Quante avventure insieme! Mi ricordo di quella volta che mi svegliai la mattina e andai a giocare in giardino e ci trovai 2 gatti!! Mi dissi "che strano, di solito i gatti appena vedono qualcuno scappano" e loro erani fermi sdraiati in terra. Mi avvicinai ed ecco spiegato il mistero! Uno aveva due zampe buffamente maciullate e la faccia deturpata e l'altro era immerso in lago di sangue e aveva le budella a giro. AHAHAHAH mitico il mio ex cane! Una vera macchina assassina! Un'altra avventura fu quando mi comprarono la gik-nikko, la macchinina telecomandata. Tempo 4 picosecondi che girava nel vialetto che il mio amatissimo ex cane gli tende un agguato e me la disintegra! Che mito! AHAHAH! Una volta rimasi chiuso tra il portoncino di fuori e quello di dentro, nel vialetto al piano terra dove il mio amico peloso era solito sbranare le persone. Non vi dico che divertimento! abbiamo subito giocato a "scappa dalla bestia omicida alta il doppio di te" AHAHAH! A momenti mi prendeva, ma all'epoca avendo passato i primi miei anni a scappare dal mio ex cane (per gioco eh) non mi prendevano manco in vietnam se mi vestivo come un marine.
Comunque, quante ne abbiamo passate insieme! Quando poi giunse la sua ora ero appena tornato da scuola e mi stupii di nn sentire ringhiare appena messo un piede sul vialetto. Pensai "Vuoi vedere che mi Ŕ morto?" e manco a farlo apposta era morto. Lo seppellirono in un campo, come era uso allora. Manco tre giorni e mio padre ebbe un'idea eccezionale: compr˛ un altro pastore tedesco alto quanto me.
L'altro era vecchio, ormai conoscevo tutte le sue mosse, era gestibile. Questo qua sinceramente mi stava proprio sul cazzo. Giovane, pieno di energie, aveva sempre voglia di giocare e mi sa che gli piacevano tanto i bambini. Avrei tanto voluto prenderlo a pedate, ma, primo, era comunque troppo grosso, secondo, mio padre lo diede via prima che io ebbi la possibilitÓ di crescere e assaporare la mia vendetta.

Per questo ho scelto i castori.

DevastaPalle, 2007-12-09
Raccolta: Nessuna
Tags: Nessuna
Indice di gradimento: 3 su 6 voti



2012-12-25: Storie Vere

Un'infanzia difficile forgia un genio letterario



<-- Nome